LA PUNIZIONE FUNZIONA.jpg

La punizione rappresenta un metodo educativo utilizzato da alcuni genitori in risposta ad alcuni comportamenti scorretti dei loro figli, per evitare che questi si ripresentino. Tra le punizioni più comunemente utilizzate possiamo trovare quelle che si basano sui divieti: divieto di guardare la televisione, di usare il computer, di giocare ai videogiochi, ecc…

Ma la punizione è efficace?

Può essere efficace, a patto che vengano rispettate determinate condizioni.

Innanzitutto, contrariamente a quello che comunemente si pensa, è preferibile che la punizione non sia eccessivamente severa. La minaccia di una punizione troppo severa, infatti, può aumentare l’attrazione dei bambini e dei ragazzi nei confronti dell’attività proibita, che può essere interrotta solo temporaneamente o che può essere svolta cercando di nasconderla agli adulti. Una punizione molto severa, inoltre, potrebbe essere percepita come la manifestazione di un atteggiamento eccessivamente aggressivo, che potrebbe anche essere assunto come modello di riferimento ed imitato per quanto possibile.

È molto importante, invece, che la punizione venga somministrata in modo rapido, cioè senza far passare troppo tempo dal momento in cui si manifesta il comportamento che si vuole correggere.

Questi principi sono stati utilizzati anche da Olweus all’interno del sistema scolastico norvegese, nel quale si è riusciti a ridurre del 50% i comportamenti aggressivi degli studenti insegnando ai docenti a vigilare sul fenomeno e ad intraprendere provvedimenti punitivi rapidi e ragionevoli.

È necessario anche essere coerenti e, quindi, punire ogni volta che si manifesta il comportamento scorretto. Può capitare, invece, che determinati comportamenti non vengano punti sempre perché in alcune circostanze i genitori decidano di lasciar correre, ad esempio perché stanchi o per non rovinare il clima di serenità. Tuttavia, questa incoerenza può generare confusione e può essere d’ostacolo alla corretta educazione. Ovviamente è importante che ci sia coerenza anche tra le modalità educative dei due genitori, in modo tale che siano d’accordo tra loro in relazione alle regole da proporre ed ai correttivi da usare.

Infine, è importante tenere in considerazione il fatto che un metodo alternativo alla punizione è il premiare i comportamenti contrapposti a quelli che si vogliono correggere. Ad esempio, piuttosto che punire il bambino quando fa i capricci, è molto più efficace premiarlo quando è tranquillo e sereno, anche attraverso semplici gesti come lodi verbali, sorrisi, carezze.

Dott.ssa Erica Tinelli

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti anche:

IL DIFFICILE MESTIERE DEL GENITORE

ECCO PERCHE’ NON DEVI DIRE A TUO FIGLIO “DEVE PIACERTI”

UN LEGAME SPECIALE: IL RAPPORTO MADRE-BAMBINO

I PERICOLI DELL’IPERPROTEZIONE

Bibliografia

Aronson E., Carlsmith J. M. (1963). Effect of the severity of threat on the devaluation of forbidden behavior. The Journal Of Abnormal And Social Psychology, 66(6), 584-588.

Aronson E., Wilson T. D., Akert R. M. (2006). Psicologia sociale. Il Mulino, Bologna (Capitolo “L’aggressività”).