IL TRATTAMENTO DI UNA FERITA APPARENTEMENTE INCURABILE IL TRAUMA.jpg

Cos’è un trauma?

Un trauma è un evento estremamente critico e negativo che interrompe la quotidianità delle persone e che può arrivare a compromettere notevolmente lo stato di salute. I traumi possono essere di vario tipo. In casi estremi possono riguardare eventi nei quali è presente una minaccia di morte o una minaccia all’integrità fisica della propria persona o di altri. Fanno parte di questa categoria, ad esempio, i terremoti o altre catastrofi naturali, gli incidenti stradali, le aggressioni. Per alcune persone possono essere traumatici anche episodi nei quali non vi è una minaccia diretta alla salute fisica, ma si vive comunque un’esperienza dolorosa dal punto di vista emotivo, come può accadere, ad esempio, quando si scopre un tradimento del partner o quando si subisce un furto non accompagnato da violenza. Purtroppo i traumi non sono eventi così rari e tutte le esperienze che vengono vissute come traumatiche comportano per la persona dei disagi che possono manifestarsi in tanti modi diversi: tristezza, ansia, angoscia, rabbia, disperazione, confusione, senso di colpa, percezione di non poter riprendere in mano la propria vita, ecc… Si tratta di sentimenti che in alcune circostanze sono inevitabili e che fanno parte del naturale processo di elaborazione di quanto accaduto, di cicatrizzazione della ferita che è stata inferta.

Come può essere d’aiuto uno psicologo nel trattamento di un trauma?

Lo psicologo può aiutare chi ha subito un trauma a superare l’evento e a gestire le reazioni emotive e comportamentali disfunzionali ad esso associate. Un trauma non si può dimenticare, non si può eliminare completamente dalla propria memoria, ma sicuramente è possibile prenderne le distanze, elaborarlo, impedire che il pensiero dell’evento si proponga continuamente ed invada il presente fino ad arrivare a rovinarlo e ad impedire una proiezione nel futuro. Tutto questo può avvenire spontaneamente con il passare del tempo, ma non è detto. A volte si dice che il tempo guarisce tutte le ferite, ma non è esattamente così che stanno le cose. Di solito con il passare del tempo la sofferenza si attenua e a volte scompare del tutto. In alcuni casi, però, limitarsi a lasciar passare del tempo non è sufficiente perché è necessario essere aiutati ad elaborare in modo più approfondito quanto accaduto e ad individuare le strategie e le modalità più adeguate per archiviare il trauma nel proprio passato e potersi impadronire nuovamente della propria vita. In queste situazioni diventa importante affidarsi ad un terapeuta per avere una guida efficace per affrontare e per risolvere il problema. Questo passo andrebbe fatto sicuramente quando il malessere comincia a diventare invalidante perché si manifesta in forma molto forte e quando si protrae per un po’ di tempo. In generale, però, è possibile rivolgersi ad un terapeuta anche per “velocizzare” il naturale processo di superamento del trauma.

La terapia breve strategica nel trattamento dei traumi

Tra le terapie più efficaci nel trattamento dei traumi troviamo la terapia breve strategica, che ha mostrato un’efficacia ed un’efficienza molto elevata. Secondo le ricerche condotte dal Centro di Terapia Strategica di Arezzo (Cagnoni e Milanese, 2009, vedi bibliografia), infatti, l’89% delle persone che ha seguito questo tipo di terapia è riuscita a superare il problema.  In media sono stati necessari 9 incontri, con una variabilità compresa tra i 3 ed i 27 colloqui, a seconda del caso. Se non si può cambiare il passato e cancellare ciò che è successo, è possibile evitare che il trauma rovini la propria vita.
 “Il trauma è una realtà della vita, ma non per questo dev’essere una condanna a vita.“    P. A. Levine

  Dott.ssa Erica Tinelli

3884462095

erica.tinelli@hotmail.it

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti anche: TRAUMA ELABORATO E TRAUMA NON ELABORATO Bibliografia Cagnoni F. e Milanese R. (2009). Cambiare il passato. Superare le esperienze traumatiche con la terapia strategica. Ponte alle Grazie, Milano.