3 PAURE CHE POSSONO COMPROMETTERE LE RELAZIONI SOCIALI E LA PROPRIA SERENITA’.jpg

Le relazioni sociali rappresentano un aspetto molto importante della vita di ogni persona. Attraverso l’interazione con altre persone, infatti, è possibile confrontarsi e condividere pensieri, idee, interessi, passioni e dare e ricevere sostegno nei momenti difficili.

Nell’ambito dei rapporti interpersonali, però, è possibile sperimentare delle paure che, seppur possono essere a volte perfettamente comprensibili e legittime, soprattutto in chi ha già avuto delle esperienze negative, se estremizzate possono compromettere la qualità dei rapporti che si instaurano con gli altri ed anche il proprio benessere.

Vediamo 3 delle paure più diffuse nell’ambito delle relazioni sociali.

La paura che gli altri si possono approfittare di sé

È diffusa nelle persone che hanno la percezione di essere ricercate dagli altri solo quando hanno bisogno di aiuto o in coloro che credono di aiutare e sostenere gli altri (familiari, amici, colleghi, conoscenti) e di non ricevere, quando ne hanno bisogno, lo stesso aiuto e sostegno.

In questi casi è bene tenere presente che il modo in cui gli altri si rapportano a noi dipende anche da noi. In altre parole, se gli altri si approfittano di te significa che tu glielo permetti perché continui a mostrarti sempre disponibile nonostante il loro comportamento scorretto nei tuoi confronti. La buona notizia è che, così come hai costruito questa realtà, allo stesso modo ne puoi costruire una diversa, fatta di maggiore reciprocità. Se percepisci di dare più di quello che ricevi puoi ridurre, piano piano, l’entità di quello che dai. Se gli altri non sembrano apprezzarti per quello che fai, probabilmente significa che ormai lo danno per scontato e tu devi aiutarli a riscoprirne il valore facendone sentire la mancanza. Il tuo cambiamento di atteggiamento potrebbe produrre un cambiamento in loro e, se così non dovesse essere, avrai la possibilità di scegliere se rimanere in quel tipo di relazione dove percepisci di essere sfruttato oppure se preferisci abbandonarla.

 La paura di non potersi fidare degli altri

A volte gli altri vengono percepiti come potenzialmente irresponsabili e poco seri. Certamente la fiducia va concessa alle giuste persone, con i giusti tempi e con le modalità più adeguate, ma solitamente l’unico modo davvero efficace per sapere se ci si può fidare di qualcuno è quello di metterlo alla prova su cose piccole e non importanti e osservare quello che succede. Questo deve essere fatto mantenendo un atteggiamento di apertura verso gli altri perché se ci mostriamo troppo diffidenti a priori corriamo il rischio di suscitare anche negli altri un atteggiamento diffidente che ostacola la conoscenza e l’evoluzione della relazione.

 La paura di rimanere delusi dagli altri

A volte si teme che il comportamento degli altri possa rivelarsi peggiore rispetto a quelle che erano le proprie aspettative. In questo caso ci sono tanti elementi da considerare, come ad esempio le caratteristiche delle proprie aspettative, che potrebbero essere eccessivamente elevate e quindi irrealistiche e che, pertanto, andrebbero ridimensionate. Un altro elemento da valutare è connesso alla fiducia: se si concede troppa fiducia troppo velocemente il rischio di scegliere le persone sbagliate e, quindi, di rimanere delusi è molto più alto. È bene considerare, però, anche che anche quando si è cauti, non si può mai avere la certezza che tutto andrà bene e che non si rimarrà delusi e quindi è necessario accettare il rischio che questa eventualità possa verificarsi.

Queste 3 paure da un lato possono essere anche funzionali perché possono portare le persone ad essere attente e scrupolose nello scegliere come aprirsi agli altri.

E’ importante, però, saperle gestire adeguatamente perché se diventano eccessive potrebbero portare all’isolamento e all’immobilismo che possono essere ben peggiori di una delusione o dell’incontrare una persona che si approfitta di sé o della quale ci si rende conto che non ci si doveva fidare.

Dott.ssa Erica Tinelli

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti anche:

LA PAURA DEL GIUDIZIO DEGLI ALTRI

I DANNI DELL’ECCESSIVA DISPONIBILITA’

HO UN PROBLEMA CON…(I MIEI GENITORI, I MIEI SUOCERI, IL MIO CAPO,……)

L’ATTRAZIONE INTERPERSONALE: COME SCEGLIAMO AMICI E PARTNER