il consolidamento nella terapia psicologica.jpg

Il consolidamento è una fase molto importante della consulenza psicologica. Segue lo sblocco, ossia il momento in cui si inizia a manifestare un netto miglioramento della situazione che ha portato a rivolgersi ad uno psicologo –ad esempio il superamento di un problema oppure il raggiungimento di un obiettivo-.

Perché nella consulenza psicologica è importante la fase del consolidamento?

È bene tenere presente che un netto miglioramento della propria situazione non corrisponde al completo raggiungimento del risultato sperato. Il consolidamento, quindi, è molto importante perché consente di lavorare sull’introduzione di ulteriori miglioramenti progressivi per arrivare ad ottenere quello che si desidera. Pensiamo, ad esempio, alle persone che vivono con grande disagio alcune situazioni, come l’interazione con gli altri o l’affrontare le circostanze nelle quali si sentono messe alla prova. Con lo sblocco si potrà cominciare a percepire quelle che prima erano delle situazioni critiche come nettamente meno minacciose e più semplici da affrontare. Tuttavia, senza il consolidamento la persona potrebbe non arrivare mai a gestire in modo completamente efficace e tranquillo quello che un tempo le metteva ansia, angoscia, paura, ecc…

Inoltre, senza il consolidamento vi è anche il rischio che i risultati raggiunti non si mantengano stabili nel tempo e che, quindi, vi possano essere delle ricadute. Tornando all’esempio precedente, è possibile che le persone, dopo un po’ di tempo, tornino ad avere nuovamente grande difficoltà nel gestire le situazioni che avevano imparato ad affrontare. La fase del consolidamento, infatti, permette di verificare attentamente che la persona abbia preso consapevolezza delle sue risorse, che abbia non solo imparato come gestire eventuali difficoltà -anche con l’aiuto di specifiche tecniche-, ma che abbia anche completamente assimilato questo apprendimento, al punto tale che la sua applicazione le risulti del tutto spontanea ed automatica.

Cosa succede se la persona decide di non seguire la fase del consolidamento?

A volte quando le persone notano un netto miglioramento decidono di interrompere la consulenza psicologica e di non seguire, quindi, il consolidamento.

Ovviamente si tratta di una scelta personale. Quando si inizia una consulenza psicologica la persona può decidere di interromperla in qualsiasi momento e così può fare, quindi, anche dopo lo sblocco.

È importante, però, essere consapevoli dei rischi che può comportare il mancato consolidamento che generalmente sono la possibilità di non raggiungere completamente l’obiettivo e la possibilità che ci siano ricadute, elementi che in ogni situazione si possono declinare in modalità diverse. Per avere un’idea più precisa e specifica sul proprio caso è possibile confrontarsi con il terapeuta e fare poi la propria scelta, che in questo modo sarà sicuramente più consapevole, qualunque essa sia.

Dott.ssa Erica Tinelli

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti anche:

COME RISOLVERE I PROBLEMI PSICOLOGICI

I TEMPI DELLA CONSULENZA PSICOLOGICA

IL PRIMO PASSO DI UNA CONSULENZA PSICOLOGICA EFFICACE: DEFINIRE L’OBIETTIVO

LA TERAPIA BREVE STRATEGICA