A volte all’interno di percorsi di consulenza psicologica il professionista utilizza delle forme di linguaggio che spesso vengono percepite come particolari e che sono rappresentate da metafore, storie, aforismi.

Si tratta, ovviamente, di un modo di comunicare che per certi aspetti è radicalmente diverso rispetto al linguaggio descrittivo ed esplicativo fatto di domande e di riflessioni dirette, ma che con alcune persone e in determinate circostanze può essere fondamentale per produrre dei cambiamenti.

A cosa servono le metafore, le storie e gli aforismi nella consulenza psicologica?

Attraverso questi strumenti linguistici lo psicologo può proporre delle riflessioni e sottolineare determinati concetti facendo leva su aspetti di natura più affettiva ed emotiva ed intervenendo, quindi, ad un livello diverso rispetto a quello razionale.

Contrariamente a quello che a volte le persone credono, infatti, l’uomo non è esclusivamente razionale. Le nostre percezioni ed i nostri comportamenti sono influenzati anche da aspetti di natura più affettiva ed emotiva che è importante tenere in considerazione quando si lavora per risolvere un problema psicologico o per migliorare determinati aspetti di sé, delle proprie relazioni, della propria vita. È proprio su questi elementi che intervengono le metafore, le storie, gli aforismi.

Con essi è possibile trasmettere alla persona dei messaggi in forma più indiretta rispetto a quanto avviene quando si spiegano determinate cose, come ad esempio i meccanismi di mantenimento di un determinato problema o eventuali distorsioni percettive.

Gli aforismi, le metafore e le storie, quindi, se impiegati adeguatamente nei momenti più opportuni e con le modalità più adeguate possono aiutare la persona a:

  • guardare le cose da altri punti di vista, individuando anche possibili soluzioni o aree di miglioramento non considerate
  • scoprire le proprie risorse
  • percepire la necessità di attuare delle azioni diverse
  • modificare determinati schemi mentali o comunque insinuare dubbi in convinzioni radicate e disfunzionali
  • normalizzare determinate reazioni o comportamenti

Dott.ssa Erica Tinelli

3884462095

erica.tinelli@hotmail.it

Per approfondire

Secci E. M. (2015). Aforismi e metafore. Youcanprint

Watzlawick P. (1980). Il linguaggio del cambiamento. Elementi di comunicazione terapeutica. Feltrinelli, Milano.