Cosa si intende per trauma?

Un trauma è un evento devastante che ha un impatto estremamente negativo sulla salute della persona. L’evento traumatico porta a stabilire una linea di demarcazione tra un prima ed un dopo che è difficile da gestire a causa di sintomi intrusivi –come incubi, ricordi persistenti, ecc…- e a causa di sentimenti di tristezza, ansia, disperazione, confusione, rabbia, ecc….

I traumi possono essere di vario tipo. Solo per fare alcuni esempi, tra i più frequenti troviamo gli incidenti stradali, gli abusi sessuali, le catastrofi come i terremoti, le aggressioni. Anche eventi più quotidiani, come la fine di una storia importante o la scoperta di un tradimento, possono essere traumatici.

Qual è la differenza tra trauma elaborato e trauma non elaborato?

Un trauma che è stato elaborato è un evento che la persona ha imparato ad accettare e a gestire, anche se ovviamente non è stato dimenticato. È qualcosa che non invade costantemente il presente e che non rappresenta un ostacolo alla realizzazione dei progetti futuri.

Quando non c’è stata un’adeguata elaborazione, invece, il ricordo del trauma è devastante e può anche rendere difficile lo svolgimento di attività semplici ed ordinarie. Sono presenti forti emozioni negative e la persona non riesce ad andare avanti.

Metaforicamente si potrebbe dire che un trauma elaborato è come una cicatrice. Un trauma non elaborato è come una ferita aperta che sanguina in continuazione.

Il fatto di aver vissuto un evento devastante, quindi, non condanna la persona alla sofferenza eterna. Il dolore, infatti, può essere superato attraverso l’elaborazione del trauma.

Perché solo alcuni traumi vengono elaborati ed altri no?

L’elaborazione del trauma dipende da una serie di fattori, come ad esempio le abilità di problem-solving e di gestione delle emozioni. Molto importante è la resilienza, che può essere definita come la capacità di affrontare situazioni stressanti o traumatiche.

Un altro elemento che può facilitare un’adeguata elaborazione del trauma è la percezione del supporto sociale che può provenire da familiari, amici, conoscenti o dalla comunità.

L’elaborazione del trauma può avvenire anche con l’aiuto di uno psicologo che guiderà la persona ad usare le strategie più adatte per superare quello che ha vissuto.

Far passare del tempo può essere utile?

Un detto popolare dice che il tempo guarisce tutte le ferite, ma…non sempre è così! Sicuramente è importante essere realistici e non aspettarsi di poter superare un evento traumatico in pochi giorni. Questo, però, non significa che limitarsi a far passare il tempo sarà sicuramente efficace. Infatti, se nel tentativo di elaborare il trauma si usano delle strategie inefficaci, più si lascia passare il tempo e più la situazione peggiora.

Dott.ssa Erica Tinelli

3884462095

erica.tinelli@hotmail.it

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti anche:

IL TRATTAMENTO DI UNA FERITA APPARENTEMENTE INCURABILE: IL TRAUMA