trattamento disturbi ansia attacchi panico roma aurelio vasanello orte scalo

Mi occupo del trattamento dei Disturbi d’Ansia nei miei studi di Roma – nel Quartiere Aurelio – di Orte Scalo e di Vasanello – in provincia di Viterbo.

Il mio approccio terapeutico è quello della Terapia Breve Strategica, un modello di terapia efficace ed efficiente, cioè capace di risolvere la maggior parte delle difficoltà e dei problemi psicologici in un periodo di tempo breve.

Che cos’è l’ansia?

L’ansia è un’emozione molto diffusa che emerge in situazioni nelle quali viene percepita una minaccia, sia di tipo fisico che psicologico.

Possiamo provare ansia quando ci sentiamo in pericolo fisicamente, come quando si è in presenza di animali o persone potenzialmente aggressive o di pericoli come i terremoti.

Al tempo stesso possiamo sperimentare ansia anche quando percepiamo dei pericoli per la nostra autostima e per l’immagine positiva che cerchiamo di trasmettere agli altri.

L’ansia comporta un’attivazione che si esprime con l’aumento del battito cardiaco, della sudorazione, con l’alterazione della respirazione, con l’attenzione rivolta alla ricerca dei segnali di pericolo e delle modalità con le quali questi possono essere gestiti. A livello comportamentale, inoltre, il nostro organismo si prepara a possibili lotte o fughe.

Quando l’ansia è utile

Solitamente l’ansia viene vissuta con disagio. In realtà è un’emozione che, se si mantiene entro certi livelli, è perfettamente naturale in determinate circostanze, perché contribuisce a creare uno stato di attivazione che rende la persona più attenta ed efficace nello svolgimento dei vari compiti.

La Teoria dell’Arousal di Yerkes e Dodson afferma che lo stato di attivazione della persona va da un continuum che ha come poli estremi il sonno e l’eccitazione diffusa. A bassi livelli di attivazione ci si distrae piuttosto facilmente, ad elevati livelli di attivazione si è in preda all’ansia. In generale, la prestazione ottimale si ottiene quando si ha un livello di attivazione/tensione intermedio, ossia né troppo alto, né troppo basso.

L’ansia ha una funzione molto importante che implica il dirigere le nostre risorse in vista del raggiungimento di un obiettivo. Non è qualcosa da combattere e da allontanare, ma un’emozione utile che, se gestita adeguatamente, può rappresentare un’importante risorsa.

Quando l’ansia diventa patologica

L’ansia diventa patologica quando compromette la qualità della nostra vita e diventa invalidante, precisamente:

  • quando si manifesta in una molteplicità di contesti diversi, al punto che la persona vive la maggior parte delle situazioni che deve affrontare come pericolose ed ansiogene e riesce tropo raramente e molto difficilmente a rilassarsi e a vivere in uno stato di tranquillità;
  • quando raggiunge livelli eccessivamente intensi al punto da creare confusione totale, difficoltà ad elaborare le informazioni, difficoltà a pensare lucidamente e ad agire.

Nei casi più estremi si può arrivare ad un vero e proprio blocco che impedisce alla persona di affrontare ciò che teme e che, con il passare del tempo, la porta ad evitare tutto quello che le provoca ansia, confermando sempre di più a se stessa la presunta pericolosità della situazione e la propria incapacità nel gestirla.

Quando l’ansia diventa patologica l’aiuto di un professionista diventa necessario per riuscire a superare il problema e di recuperare il proprio benessere.

Contattami

Se hai bisogno di un appuntamento per il Trattamento dei Disturbi d’Ansiachiamami oppure compila il form sottostante e ti ricontatterò.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio